Monday, August 3, 2015

"On the 23rd Page" Behind The Scenes

A legutóbbi forgatásom, kisfilmem, minden titka és eredete! For the English version of this entry, regarding the making of my latest short roll down ;)


Mindenki máshogyan fekszik le aludni. Én mindig kis film jeleneteket játszok a fejemben. Ha valami tetszik, akkor újra és újra játszom, míg nem teremtek belőle jó dialógusokat vagy használható karaktereket. Ha már magamat sikerült meggyőznöm, akkor pedig leülök és leírom.
Te hányszor álmodtál arról, hogy Oscar díjat nyersz? Hát én nem egyszer... főleg, amikor ennyit foglalkozok forgatással és írással. És miközben hallgatom a köszönőbeszédeket ráébredek, hogy az összes díjnyertes film valami olyat fog meg, ami mindennap megtörténik, csak végre valaki felvette egy kamerával. A többségük, amúgy, ha megfigyelitek egy 30 és 40 év közötti ember életének a döntéseiről szól. Na jó, ezek lehet, hogy a külön álló indi filmek, nem is annyira az Oscar díjasok, de mindannyian mondtunk már köszönő beszédet, nem?
Na most, én sokkal érdekesebbnek találom az egyetemi éveket. Miért? Lehet, hogy azért mert pont ebben élek, de szerintem mélyebb oka van. Többek között az, hogy az ember ilyenkor ismeri meg magát, ilyenkor lesz igazán felnőtt. És az összes indi film pedig azt a rossz döntést dolgozza fel, amit ezekben az években hozhat az ember. Rossz karrier választás, rossz pár választás, vagy pont a tanulás elhalasztása. Pont ezért meg akartam fogni minden rossz döntés eredetét. És nem, nem fogok húszon-négy évesen Oscar díjat kapni, de rájöttem, hogy nem is 30 éves koromban kéne írnom arról, hogy milyen volt 23-nak lenni, hanem most. Így született a film ötlete. Leültem megírtam és nagyon féltem, hogy milyen lesz a színészek szájából hallani, de mindenesetre az én fejemben jól hangzott!

"Hat egyetemi legjobb barát, és egy kívülálló, egy négy napos Balatoni nyaralás alatt rákényszerítik egymást arra, hogy szembenézzenek azzal, hogy az életben hozott döntéseikért felelősséget kell vállalniuk." - A film sosem fog elkészülni, mert nincsen meg az anyagi hátterünk hozzá, se az idő. Ezért is lett a reklám hat perces a szokásos kettő helyett. De reméljük ez is elég, hogy elnyerjük a nézők tetszését!


Ezt követte a stáb. Most már hetedik éve, hogy együtt dolgozunk a Zsomborral és nem is kezdenék munkába nélküle. Ennek több oka is van. Van egy meglátása, egy fajta érzéke, ami teljesen megegyezik az enyémmel. Mondok valamit, leírom, megfestem a saját fejemben és 99%-ban ugyanazt látja. Néha jobbat is és ezért szeretek vele dolgozni. A földön jár, én pedig az írásomban és segít azt megvalósítani vagy rávilágítani ha már túl lőttem a célon. Ez egy művésznél - és most kivételesen annak titulálom magam - rendkívül fontos. El fog jönni az a nap, amikor valami nagyon művészit akarok majd a vásznon látni, és az csak az én szüleményem lesz, de egyelőre segít és boldoggá tesz a kritika, mert minden mértékben építő kritika!
A technikai háttérről még tanulnom kell, ezért is hagyatkozom rá, de, amikor tudok akkor oda figyelek és megpróbálok ügyesebb lenni. Imádok minden közös munkát, de szegényt olykor úgy érzem, hogy kihasználom... (De ezt ne mondjátok el neki!) Ez a projekt sosem jöhetett volna létre ő, a legjobb barátunk Zoli és az én drága asszisztensem, a Boró nélkül!


Zsombor videóit megtekintheted ezen a linken: 
You can see Zsombor's videos here:

Ezek után jött a szereposztás. Lehet megfogtok lepődni, de azonnal tudtam kiket akarok minden szerepre. Egy kivételével: a női főszereplő (karakter név: Eszter). Nem is csoda, őt volt a legnehezebb megírni. Minden karakternek volt egy háttérsztorija a fejemben, de ő... az én fejemben sem állt össze. 
Valahogy hallottam, hogy mit mond, hogy mi a konfliktus oka de nem tudtam mi hajtja. Míg egy éjszaka, mint az összes többi jelenet, megláttam ki ő, mi miatt hoz meg bizonyos döntéseket, és miért vannak ilyen jó barátai. Talán ő a legfélénkebb a társaságból, de az egyik leghangosabb is, és ezért jól titkolja még maga előtt is, hogy valami nem stimmel. És pont erről szól ez a nyár: az, ami nem stimmel. Zsombor itt is kisegített és egy olyan embernek adhattam a szerepet, aki tökéletes volt.
Persze, casting szempontból, ez a forgatás sem volt hibátlan. Visszatekintve még nem volt forgatásom, ahol ne kellett volna a színészek között lecserélni valakit. Sajnos ez része annak, ha az ember amatőr filmeket csinál - mármint olyan emberekkel, akiknek nem ez a fő munkájuk - mint, ahogy nekem sem. Mázlim van mert nagyon jó barátaim vannak, akik tényleg profik. Pedig sokan közülük ezt még mindig nem hiszik el nekem!
A probléma az, hogy nem elég, hogy tudtam, hogy kit akarok castingolni, de volt olyan szerep, amit konkrétan írtam valakinek. És, amikor kiesett az egyik színészem kicsit bepánikoltam. Maga a forgatás még nem is lett volna probléma, de ha teljesen őszinte vagyok nagyon féltem, hogy milyen lesz majd a vágás. Mi lesz akkor, ha nem azt látom, amit elképzeltem? Többnyire ez az oka annak, hogy nem tudok rajzolni, ugyanis a kezem sosem adja vissza azt, amit elképzelek. Féltem, hogy ugyanez fog történni. De talán én vagyok legszerencsésebb ember a világon, mert olyan színész barátaim vannak, akik úgy keltették életre ezeket a karaktereket, hogy minden snitt, minden másodperc megfelelt az elképelésemnek. És meg sem érződik a csere a szereposztásban, ezért nem is mondom el senkinek mi volt az eredeti felállás :P


These are the bloopers (no subtitles available, sorry).

De nehogy azt hidd, hogy nem voltak hibák, sőt! Van róla egy egész külön videó :D (itt fent!), de minden forgatásnak ez része: az időjárást nem befolyásoljuk (megégtünk és erős szél is volt); a 7 tagos cast miatt többször kellett újra írni a beosztást, hogy mindenki ott tudjon lenni a jeleneténél; a szomszéd kutyája vagy egy autó a kereszteződésnél; a kamera néha úgy döntött, hogy nem fókuszál és persze elhagytam a krétákat a csapóhoz. Tudom, tehetséges vagyok! 
Ennek ellenére mindent megoldottunk, vagy ott helyben vagy a vágószobában, és mondhatom, hogy az, amit előállítottunk annak büszkén vállalom minden másodpercét, és úgy érzem, hogy ezt az érzést megoszthatom minden színészemmel és segédemmel. És csak egy hete van fent de már több, mint 100-an látták! Tudom, ez nem olyan sok, amikor egy videó egy óra alatt meglépi az ezret, de én nem is azért forgatok. Egy magyar kisfilm eleve kisebb közönségnek felel csak meg, viszont tudni, hogy a barátaimon kívül más is belenézett nagy örömmel tölt el. Továbbá készült hozzá olasz és angol felirat is, és még más nyelveket is szeretnék, csak találnom kell fordítókat!

Szerencsém van mert nagyon sok pozitív kritikákat szoktam kapni, de mindig van egy valaki, aki megkérdezi, hogy miért nem ilyesmivel foglalkozom ahelyett, hogy tanárnak készülök. És talán ez az egy oka annak, hogy nem szeretek forgatni, ilyenkor én is megkérdőjelezem a döntéseimet az életben. De, pont erről szól a film is :) szóval lehet ez így van rendben.


A videót megtekintheted a poszt végén!
You can watch the video at the end of the entry!

The idea came to me one evening before going to bed. I replayed and replayed it in my head until I had dialogues that work and characters that are real. "Six best friends from university, and an outsider, spend a long weekend together at Lake Balaton, where they force each other to face the consequences of their own actions." - The movie, unfortunately, will never be made as we don't have the money and the resources, that's why this trailer is six minutes long rather than two. But we hope that people will enjoy it just as much as we did making it!
I think we all have already written our acceptance speeches for when we win an Academy Award, despite the profession we have. It is the same for me, and when I look at all these independent American movies, they all really discuss one bad choice made between the ages of thirty and forty. Well, I wanted to dig deeper, Or, in other words, go back to the source of the problem. In our college years we get to know ourselves, and it is then that we really grow up. And all those movies deal with the very mistake those characters made in their college years: wrong partner, wrong career choice or perhaps deciding to stop studying. I am now 24 and I decided that I don't want to write about what it was like to be this age when I'm 30.
Of course, the shooting did have a couple of hitches, but what shooting doesn't? Casting, weather, technical and so on. But I am 100% proud of the short we made with my friend Zsombor and I am glad I worked with him again after the seventh anniversary of our first project together. I would say that this very short would have never come to life without him, my assistant Boró and our best friend Zoli. 
The only reason I'm sad we made this are the comments "Why don't you do this full time instead of teaching?". They ask me this with the purest of intentions and I'm glad they do, but I then have to wonder about my own choices in life. But maybe that's OK, as that is exactly what this short is all about :)

_ _ _ _ _ _ _

Szereplők/Cast:
Zsolti- Lőrincz Lénárd
Lili - Tóth Kata
Eszter - Jákfalvy Kata
Rita - Petrák Fanni
Dávid - Gács Bence
Kriszta - Novacsek Zsófia
Máté - Mórász Balázs

Stáb/Crew:
Váczi Zsombor
Őszi Borbála
Végh Zoltán

Köszönet/Thanks to:
Vörös Eszter

Zamárdi, Hungary, 2015. Csorba Maci & Váczi Zsombor co-production. 

Saturday, July 18, 2015

My 5 Favorite Cooking Shows

I love food. I adore cooking and I love to learn about food. Thus I watch a lot of food network shows, at least the ones I can get my hands on here in Europe. And I always watch them with my sister. We have gone through Jamie Oliver's Food Revolution, his Family Christmas, and Kitchen; while also catching up on the seasons of Next Great Baker, Cupcake Wars, along with Masterchef (US), and other smaller things like Unique Sweets and a couple of episodes from Unique Eats and DC Cupcakes (that show is crazy stupid, but very adorable!).
And we watched most of these - together with the ones listed below - in about eight months time. Yes. Television was that bad that year. And although some were horrible (Ace of Cakes was the most terrible piece of garbage I had to watch in my entire life! I turned it off after 10 minutes, the guy in it is such a huge a**hole!), others were fun to watch once (Fabolous Cakesfor example, is great if you want to be inspired!), but there a couple of favorites that I could rewatch over and over again and still hope for more seasons!
These are those five favorites:

5) Halloween Wars

Well, this is not entirely food, I know... and because of that it is only at the bottom of the list, but it is probably my favorite! In it there are groups of three and each team's got a cake artist, a sugar artist and a pumpkin carver and they have to use all three elements to create 3D sculptures. These have to be Halloween themed and the theme is set by the judges (creepy clowns, zombies, goblins and so on). I adore Halloween and these people are crazy talented and - although the drama is very fake and they build it up too much - the way they can sculpt food is simply mesmerising. Make sure you check it out, it is great fun to watch it while decorating the house or getting ready for a party!

4) Chopped

I got to watch this series because my sister listens to Marc Maron's podcast and in it he mentioned that this is one of his favorite shows, so we started checking out a couple of them and they are very enjoyable. In it there are 4 contestants that need to incorporate into their dish four obligatory ingredients and they have to rethink them into a restaurant quality dish. Here is why the show is fun: creativity is very entertaining, especially when it comes to food. And second: the judges. They are the most fair people I have ever seen in my life. Have you seen that in these competition shows (like Masterchef) they focus on shaming the contestants for their errors and I hate that. Here they give constructive criticism and you can tell that they feel genuinely sorry for having to eliminate the contestants. And I love that! (DO not watch the Canadian version. I only saw one half of one episode and they were total a**holes).

3) The F Word

I wrote about Gordon Ramsay in a separate entry a couple of weeks ago (read it here!), but in a nutshell I just described that I like his teaching method a lot (not the yelling kind represented in his American shows, but the one in his British shows). The difference is that he recognizes perfectly when he should give someone a pat on the shoulder instead of yelling with them. But, his presence helps those people to wish to be better. In the show he teaches his own kids about where food comes from, he teaches amateurs to be competent in a restaurant kitchen and he looks for the best ethnic restaurants in England, as well as have his own competition with British celebrities. It is a fun show with a lot of learning involed and great food! What more do you need?

2) The Great British Bake Off

The sweetest cooking competition on the planet: hosted by Sue Perkins and Mel Giedroyc and judged by Mary Berry and Paul Hollywood, this competition focuses purely on baking - let that be sweet or salty. There are three rounds in each episode and about ten-eleven contestants at the start of each season. The judges are very critical, but very fair. There are also special episodes where the judges show us how to bake those cakes they asked from the contestants during the season. Each episode gives a bit of a historical background to what the contestants are making and they all resemble one big family and I just love to be on this journey with them!

1) Cake Boss

Why do I love this show? Because I have fallen in love with this family. I actually feel like I'm a part of them :D I watched the Next Great Baker first and that's where I got to know Buddy and his family, and I then checked out the show it originated from. I lived in Italy, and needless to say, those cookies and cakes have never looked as good in real life as they do in Carlo's Bakery! I love big italian families and although "Hoboken Baby" can get tiring soon, you just gotta love this guy (despite that one scandal). My favorite episode so far was the Christmas special, in which Buddy opened up the store and beforehand he handed out free hot chocolate to the costumers waiting outside in the snow, and they took the remaining cookies and pastries to a homeless shelter. And, the reason I adore this show is that you can see that they are not just doing it for the cameras, and that makes the baking and the cooking much sweeter!

These are my favorites, but I'm always looking for new stuff, so if you can recommend me anything, please do! Until the next item on my list!

Thursday, July 9, 2015

Homework: La Leggenda Dei Monti Naviganti di Paolo Rumiz

A második szakom az olasz, és sajnos nagyon kevés anyag van az interneten, ami segítheti a munkám, már csak ha forrásokról beszélünk. Ezért is gondoltam, hogy megosztom a javított esszéimet, hátha tudok másnak segíteni velük!
My second major is Italian and, unfortunately, there is very little material available on the internet that can help my work, and I am mainly talking about secondary sources. That's why I thought that I would share my corrected essays, maybe I can help others who share my topics!
Studio anche italiano, inoltre all'inglese, e purtroppo, non vi è molto materiale disponibile su internet che può aiutare il mio lavoro, e mi riferisco soprattutto a fonti secondarie. Ecco perché ho pensato che avrei condiviso le mie recensioni e composizioni corretti, forse posso aiutare altre persone che cercano di scrivere o fare presentazioni su i miei stessi argomenti.
_ _ _ _ _

“La Leggenda Dei Monti Naviganti” di Paolo Rumiz
           
Scrittore e giornalista Paolo Rumiz parte per un’avventura, un viaggio di circa 8.000 chilometri che inizia a Trieste, dove le Dolomiti si specchiano nel mare e arriva fino ai monti calabri degli Appennini, lungo tutte le Alpi che s'incrociano coi monti sopra Cuneo, e poi, in Liguria, con le valli dell'Oltrepò. Il libro e diviso in due parti, e ciascuna di esse in otto capitoli.
            Rumiz parte dalla Croazia, nei pressi di Fiume, dove va a cercare l’inizio delle Alpi e si capisce subito che i croati non sapevano proprio di essere una nazione alpina. Comincia l’escursione con la visita dei luoghi della Prima Guerra Mondiale, tra cui Isonzo, e ascolta testimonianze dei sopravvisuti alla guerra. Poi sente storie di orsi – un animale che ritorna sempre nei suoi racconti – numerosi in Slovenia, che non solo vengono importati, ma spesso vanno fino in’Italia per soddisfare la loro curiositá. Il viaggio prosegue con una camminata in montagna in Carinzia con Jörg Haider (politico austriaco, leader del partito conservatore: FPÖ - Partito della Libertà austriaca).
            Arriva poi nella valle del Vajont. Accompagnato dall’alpinista Mauro Corona, camminano verso la frana che causó la tragedia del Vajont. Nel 1963 una frana partita dal sovrastante Monte Toc devastó la struttura della diga, appena terminata tutta l’acqua racchiusa la scavalcó poi – come un diluvio di proporzioni bibliche – scese a valle e trascinando via i paesi lungo il suo percorso. Oggi, dappertutto, si vedono orme di cervi che camminano su una terra che per molti é un cimitero. Corona viveva in uno di quei paesi e perse la propria famiglia. “Prima del lago, qui c'era una forra e in fondo vi confluivano tre torrenti. Intorno c'era un inverso. A destra i mulini, a sinistra le segherie. «Lì era la casa di mio nonno, là quella di Cate, lì c'erano gli Scarpa.» Mauro disegna a memoria la geografia delle cose perdute. «Lì i Ninin, là Dina, i Pietrin. E poi i Menolin, le Spesse. E la casa dei Paul, omoni dalla forza leggendaria. Uno di loro lottò con un orso, a una fiera in Carinzia. E vinse»” (p. 50). Tanti anni dopo il disastro, la diga é in perfette condizioni perché l’Enel spende soldi a mantenerla, nonostante a causa di frane l’area intorno sia pericolosa e, piú importante ancora l’acqua non abbia mai raggiunto lo stesso livello. L’autore si arrabbia sopratutto per il fatto che quell’incidente pare essere stato dimenticato, benché abbia portato con sé una devastazione di livello immenso.
            Rumiz continua il suo viaggio e si trova nel traffico bloccato della pianura veneta. La pianura é vuota e le acque dalle montagne scendono piú in fretta, in meno di sei ore, gli fu detto. Conosce Giovanni Parolin, che gli racconta di come fu cacciato insieme alle sue pecore da politici che non ne sapevano niente della vera geografia dell’area. Questa risultó nella desertificazione del Piave. L'estinzione dell'agricoltura e della cultura del mondo contadino. Segue l’arrampicata insieme a Mario Rigoni Stern, scrittore e veterano della Seconda Guerra Mondiale, per poi perdersi alberi del legno adatto a costruire violini. Nel bosco ascoltano insieme attentamente, perché anche gli alberi suonano!
            Ed ecco come ombre nella notte che mettono paura persino a un rottweiler, gli orsi del Trentino si fanno vivi. Rumiz ascolta un dibattito tra quelli che sono capaci di convivere con gli orsi, e quelli che sono contrari alla coabitazione. Mi é piaciuto molto questo capitolo perché descrive come, anche gli orsi, si spaventino quando vedono l’uomo, benché non abbiano problemi ad avvicinarsi e a rubare loro il mangiare. É proprio questo il problema dei contadini, quando pecore e polli spariscono. Ma é, comunque, divertente immaginare un orso urlare dalla paura come una persona quando incontra un essere umano vicino a un pozzo.
            Rumiz fa poi conoscenza con Ryszard Kapuściński a Bolzano. Cominciano a parlare, e il giornalista scrittore polacco gli racconta del dolore che prova, quando la gente gli dice “raccontaci qualcosa”. Ha avuto tante avventure ma in quei casi si sentì come un pagliaccio creato con l’intento di divertire la gente e, in un certo senso, l’importanza del suo lavoro in quei momenti perdeva rispetto. Segue il viaggio in treno da Verona verso Monaco di Baviera, un viaggio che sembra un’eternitá su un treno praticamente deserto per il quale quasi non riuscí a comprare il biglietto. Il vagone su cui era salito aveva le porte automatiche e una era rotta. Faceva uno strano rumore di fischio ogni volta che si chiudeva, ma il problema era solo che non si chiudeva bene.
            Il viaggio si sposta nella valle di Ötz, dove scomparve Herr Helmut Simon, scopritore di Ötzi e là ascolta due versioni della stessa storia, cioé di come la provincia di Bolzano riuscì a sottrarlo all'Austria. Ötzi é una mummia che si era preservata per millenni nel ghiaccio della valle di Ötz. Ci furono molte discussioni su chi lo avesse scoperto e a chi appartenesse veramente: il paese in cui si trova la valle, oppure la nazione dello scopritore? Si puó decidere da soli, ma rimane il mistero di dove sia finito Herr Helmut, e se, ossessionato dalla sua mummia abbia cercato la stessa fine.
Segue la salita in bici verso il passo dello Stelvio, il più alto valico lastricato delle Alpi Orientali e il secondo più alto delle Alpi, a soli 13 m al di sotto del francese Col de l'Iseran. Il viaggio continua in treno in Svizzera attraverso il cantone dei Grigioni: “Il trenino svizzero lo riconosci prima dall’odore. Non emana quell’amalgama stagionato di piscio, diserbante e sudore che regna nelle nostra stazioni” (p. 108). Incontro con Fausto De Stefani, alpinista conquistatore e poi incontro con Walter Bonatti, uno dei più grandi alpinisti del mondo.
            Nella valle Bavona, invece, vede una cosa strana, sì, un’altra frana, peró le persone ci vivono dentro. Non si sono mai lasciati sconfiggere dalla loro posizione geografica. Lo scrittore passa la notte a scrivere, “e a Bavona quando piove, piove sul serio” (p. 133-4), e racconta di ció che ha sentito la sera prima. In un bar comincia a parlare con un avventore che gli racconta di quando le compagnie dell’elettricitá erano arrivate nella valle e offrivano lavoro ai contadini: lavorare sulle dighe pagava molto meglio, ovviamente, e risultó che la gente cambió mestiere. E, infatti, quando le dighe divennero autonome, le persone rimasero senza lavoro e senza conoscenza del loro vecchio mestiere. Eccezione la Valle di Bavona, che rifiutó l’elettricitá anche quando la diga gli fu regalata gratis. L’autore dice, che se si vuole stare al buio, é qui che si deve venire. La Valle Bavona si sostiene con la propria agricoltura e i contadini vivono insieme ai loro animali, ma non tutte le valli delle vicinanze furono cosí fortunate.
            Se qualcosa si distacca dal monte, non lo si puó mai piú riattacare. L’autore si trova sul ghiacciaio del Belvedere che si muove ad una velocità di trecento metri all'anno a causa del cambiamento del clima. Segue l’incontro con Genulin, “vai dal Genulin!” (p.141), patriarca e memoria storica del paese di Curino in provincia di Biella. Genulin, piú che un uomo é una biblioteca e racconta la propria storia come se fosse successa il giorno prima. Su uno dei sui tragitti ebbe la fortuna di conoscere la storia di Francesco Bider, “una volta che il male lo riconosci, devi affrontarlo” (p. 146), operaio del biellese, che si arruolò volontariamente nel Esercito di Liberazione del Kosovo e morì in guerra. Pernotta poi all'Ospizio presso il passo del Gran San Bernardo, che é sempre aperto per soldati, alpinisti, e ogni singola persona che cerca un tetto sopra la testa per la notte.
Segue un’altra tragedia, quella ai piedi del Monte Bianco: la catastrofe del 1999, quando un camion prese fuoco nel tunnel della montagna. Il tunnel é lungo oltre 200 km e, all’inizio fu costruito su richiesta della gente. Dopo l’incidente peró, fu presa la decisione di deviare il traffico pesante. Ne seguí, che si ricominciò a sentire il suono di ruscelli e a vedere fiori che non erano coperti di carbone. Nonostante l’intento iniziale fosse quello di collegare le due parti del Monte Bianco, non ne era valsa la pena per tutta la distruzione che il tunnel ha causato. Gli italiani erano pieni di speranza, perché dopo l’incidente il problema divenne nota a livello europeo e le compagnie francesi che costruivano quei tunnel avevano le mani legate. Gli italiani cercavano di sottolineare che il tunnel non era sicuro nemmeno prima di essere aperto alle macchine: troppo lungo, basso e la ventilazione non funzionava bene. Si aggiunge pure il fatto che prima del tunnel c’é una salita, e le macchine arrivano con i motori surriscaldati. Insomma, la catastrofe é destinata a ripetersi.
            L’autore si sposta quindi nei pressi del Gran Paradiso e per strada discute con un locale sul declino della vita montana dovuta all'industrializzazione; quest’ultimo gli dice che i montanari non erano fatti per lavorare in industrie: sono anche loro selvaggi. E quando la gente ha cominciato a spostarsi in pianura, le donne li hanno seguiti. Infatti, racconta che ha 65 anni é non si é mai sposato, perché anche se le donne hanno cominciato a ritornare, sono diverse e la vita in cittá le ha cambiate. Poi, fa l’esempio dell’Olivetti più rispettosa della Fiat della cultura montanara, perché non voleva che i suoi operai dovessero muoversi. Mandavano ogni mattina un autobus a prendere gli operai e li portavano anche a casa. Ma la vita cambió e con essa anche la faccia dell’industria.
La fine del capitolo narra l’incontro con Diego De Castro, testimone dell'inizio della Grande Guerra; Rumiz lo conosceva bene e tornava da lui ogni volta che aveva bisogno di informazioni. L’uomo aveva una memoria di ferro, e raccontava della propria infanzia, come fosse successa il mese prima. Prima della sua morte, fece scrivere a Rumiz quattro volte il proprio necrologio.
Poi Rumiz si mette in sella, e va in bici sul Colle dell'Agnello alla vigilia del Giro d'Italia del 2001, e, quindi Infine, viaggia in bici fino a Nizza e poi l’autore decide di tornare in Italia, sentendo che gli Appennini lo aspettano.
Nella seconda parte del libro racconta come gli era venuto in mente l’idea del viaggio quando mentre visitava il nuovo traforo per l’alta velocitá tra Firenze e Bologna per un servizio giornalistico. Partì quindi per esplorare gli Appennini su una Topolino, una piccola macchina, abbastanza lenta da permettergli di apprezzare il paesaggio.
Il viaggio comincia in Liguria, ai passi di Faiallo e del Turchino, insieme all’amico Albano Marcarini. Prosegue verso il Piemonte nel Dova Superiore, dove i due incontrano il parroco don Luciano, che racconta loro che in quei piccoli paesi italiani il parrocco é piú importante del sindaco! Ma, purtroppo, molti di quei posti furono abbandonati e la cultura locale si sviluppò, e in un certo senso si é persa.
Purtroppo la macchina ha qualche problema, e bisogna far arrivare una dinamo di ricambio da Bologna. Dopo averla ricevuta, Rumiz stenta a credere che arriverá fino in Calabria. La sua tappa successiva lo porta nella provincia parmense, a Noveglia, chiamata dai suoi residenti il posto“dove il mondo finisce”. Rumiz non ci crede molto, ma vede poca gente e una signora gli spiega che dipende da degli animali: per ripopolare l’area sono stati portati serpenti, vipere e poiane e non é piú possibile lasciare libere neanche le galline. Lui reagisce dicendo: “Di nuovo animali! Mi sento un monaco amanuense che sfoglia un bestiario mediovale” (p. 214). Il viaggio continua attraverso le Alpi Apaune, dove racconta di una lotta partigiana, in cui nel 1945 le donne attirarono le truppe tedesche in una trappola e poterono disarmarli completamente.
Dopo essere passato dalla Toscana in Emilia per l’Abetone, Rumiz racconta di italiani emigrati, a cui seguirono da ricordi della Seconda Guerra Mondiale. Prima visita il cimitero tedesco sul passo della Futa, poi, a Predappio, la cappella di Mussolini e a Meldola si ferma per la commemorazione di Antonio Carini, conosciuto come Orso, un eroe partigiano membro del Comando Generale delle Brigate Garibaldi, massacrato dai fascisti.
Entrati nelle Marche arriva un temporale e Rumiz con il compagno Franco Poselli sono costretti a fermarsi a causa dell’acqua del temporale che era entrato in certe fessure dell’auto. Siccome il tempo non migliora, non vuole ripartire accompagnato con la macchina, parte in un’Ape a tre rotelle, che portò Rumiz a visitare una cappella costruita dalle stesse mani dell’autista. Ginetto é stato internato in Germania durante la guerra, e soppravvissuto, costruì la cappella con le pietre di una vecchia chiesa e la dedicó ad un santo – sicuramente lo stesso che gli aveva salvato la vita, dice l’autore – per potersi poi sposarci. Sicuramente aggiunge Rumiz finché ci sará Ginetto, a San Severo i santi ci saranno sempre.
“Ma in questo angolo del Lazio, attorno al Terminillo e ai Monti Reatini, non trovo nemmeno la consolazione di uno straniero; il vuoto umano é totale” (p.264), dice mentre passa tra i monti Sibillini e i Reatini, dove c’erano voci di negromanzia e di etruschi. Villa Pulcini sembra deserta, ma solo perché la gente era in chiesa e dopo la messa Gina, la proprietaria della locanda si diverte a raccontargli la storia del paese, essendo il suo unico cliente. Ci vivono gli ultimi praticanti della tradizione orale della sfida poetica all’ottava rima. Anche lei é figlia di di un poeta, e gli comincia a fare rime, una dopo l’altra. Il viaggio prosegue, ora insieme al figlio Andrea, con cui arriva in Molise, descritto come un paesaggio svizzero ai piedi delle Alpi. Una regione assai unica, che dovrebbe appartenere all’Italia del Nord, invece é persa nel Sud-Est della penisola.
Sulla statale 17 deve attraversare la prima parte del viaggio su un tratto rettilineo. Si era promesso solo colline e montagne, niente pianure, eppure deve sorpassare quel tratto. Si sente stanco, e guardandosi nello specchio “mi scopro identico a mio padre” (p. 292). Racconta che pure la macchina é identica alla sua e ricorda che gli faceva il letto sul sedile posteriore prima di partire, dove lui dormiva a cuccia.
Vuole fermarsi a riposare, ed ecco che ritornano le colline e arriva ad Aquilonia in Campania. Quel paese era chiamato Carbonara, ma fu rinominato per punizione da Vittorio Emanuele II per la sua opposizione all’Unitá d’Italia. Non solo fu l’unico nella storia a ricevere un trattamento cosí, ma poi venne anche distrutto da un terremoto nel 1930, come se la sfortuna fosse proprio nata e rimasta in quel posto. Segue la Basilicata, e poi il rientro in Campania dove si ferma a Calitri, paese d’origine della sua famiglia. Alla fine del capitolo parla della Topolino, e racconta di come non sapeva se la sua macchina fosse un maschio o una femmina. Comunque una signora vera e propria! La gente a sud gli fischiava dietro, tutti la volevano guardare, da davanti, da dietro, e perfino i camion lo lasciavano passare. Il momento piú divertente fu peró quando anche i vigili lo fermano per poter ammirare la macchina, ormai ritenuta una classica.
L’ultimo capitolo comincia con una descrizione che, chiunque abbia giá viaggiato per le autostrade italiane ha conosciuto: gli automobilisti guidano al centro della strada. Arriva poi, allo stretto di Sant’Eufemia e Squillace, dove il vento di nord-ovest del Tirreno incontra lo Ionio, e “accelera come il Danubio sotto il Monte Gellért a Budapest” (p. 329). Infatti gli si dice che in questo posto sullo Ionio ci si muore e non ci dovrebbe andare. A Reggio Calabria, la paura che aveva al primo guasto dell’auto diviene realtá e la macchina si ferma di nuovo, ma fortunatamente incontra per caso un escursionista che la sa aggiustare. A questo punto del libro si sente che anche l’autore vuole arrivare a un lieto fine; e quando arriva al punto piú a sud della penisola, dopo aver attraversato la stessa strada che fece Garibaldi nel 1862, vede che attorno a lui – tenendo conto di tutto il viaggio e tutto quello che ha visto, tutto il movimento - l’immagine davanti agli occhi sembra una fotografia ferma.

Homework: Accademia D'Ungheria in Ungheria

Sokan nem is tudják, hogy van egy második szakom is, és az nem más, mint az olasz. Ebben az egy évben már kellett pár esszét írnom, és van olyan, amire büszke is vagyok. És azért is megakarom osztani, mert kevés anyagot találtam hozzá a neten és akarok segíteni olyannak, aki hasonló témákat kutat!
I have another major, which is none other than italian! And I already have a couple of essays I'm proud of, not to mention that there isn't a lot of material available on certain topics, so I thought I would help out those who seek help in the same subject!
Studio anche italiano, inoltre all'inglese, e ho notato che é difficile trovare fonti per certi temi. Per qualche motivo ai italiani non piace tanto usare l'internet... Per questo ho deciso di mettere qui le recensioni e composizioni che ho scritto durante i primi due semestri. Spero di poter aiutare qualcuno!
_ _ _ _ _ 

Accademia d’Ungheria in Roma

L’Accademia d’Ungheria in Roma è la sede culturale rappresentante dell’Ungheria nella capitale italiana. L’accademia svolge la funzione di diffondere il patrimonio culturaleGli istituti simili ad essa, distribuiti in tutta Europa,  sono stati fondati con l’intento di propagare e insegnare la cultura di una nazione ad un’altra. L’accademia è un’ala dell’ambasciata, la quale serve per rafforzare la diplomazia e dispone anche di obiettivi politici del paese, mentre l’accademia si occupa di diffondere sia la cultura contemporanea, che quella che ha costruito la nostra storia.
            L’Accademia risiede nel Palazzo Falconieri, in Via Giulia a Roma[1] riva del Tevere, parte del centro storico. Il palazzo era originalmente un istituto ecclesiastico e poi divenne quello culturale. Il Palazzo Falconieri, costruitonel periodo barocco, ha più o meno 500-600 anni. È uno dei palazzi più costosi nella capitale, ed è unico, in quanto altri paesi non possiedono una sede culturale tanto ricca.
            Il palazzo fu  progettato da Francesco Borromini[2], architetto responsabile per la Basilica di Sant'Andrea delle Fratte, il cortile e la facciata della Chiesa di Sant'Ivo alla Sapienza, anche la galleria prospettica é di Borromini a Palazzo Spada. Borromini progettò anche la Chiesa di Sant'Agnese in Agone e  l'interno dell'attuale Basilica di San Giovanni in Laterano (hivatkozás).
Col passare degli anni il palazzo ha perso il suo colore travertino ma dopo una ristrutturazione conclusa nel 2008 ha riaquistato il suo stato iniziale. L’Ungheria ha comprato il palazzo nel 1927 ad un basso prezzo che non includeva tasse immobiliari ed ha costruito la palazzina dove originalmente c’era una stalla. La palazzina serve solo come alloggio per gli ospiti ed è divisa in due piani e 13 piccoli appartamenti. Anche oggi ospita scienziati, insegnanti, sacerdoti, e studenti che hanno vinto una borsa di studio. Da quando l’Accademia ha cominciato a funzionare nel 1927, i suoi visitatori avevano la possibilità di studiare artisti europei, di acquisire conoscenze attraverso il collegamento italiano[3].
            Arrivando da Via Giulia, dall’entrata principale si può vedere il giardino che ha una fontana con due delfini. Subito a destra del portono troviamo una piccola galleria di tre stanze. La galleria si occupa specialmente di arte contemporanea e spesso si possono vedere mostre fatte da artisti ungheresi in collaborazione con artisti italiani. Le mostre variano da dipinti a sculture. Andando avanti si accedde al giardino, da dove si può entrare nel palazzo da due lati. Da un lato troviamo le scale verso le sale nobili. La corrimano della scala finisce in un grifone e una lampada aggiunta nel 2008, fatta dallo scultore ungherese Tamàs Varga. La  lampada copia il materiale in bronzo del grifone e il tema di animali selvatici che erano nascosti nel soffitto della sala rossa tra le sale nobili sul primo piano.
Il palazzo ha quattro piani. Al primo piano, come anticipato prima, si trovano le sale nobili, adesso usate per i programmi dell’Accademia. La sala concerto, la sala gialla, rossa e blu[4] sono collegate ed ognuna ha finestre che si affacciano su Via Giulia. Le sale servono per concerti, presentazioni di libri, ricevimenti e cene, e anche per la proiezione  di film ungheresi sottotitolati in italiano. L’Accademia ospita anche molte conferenze ed è anche affitatto per riprese cinematografiche. L’altra ala del piano è usato come segreteria. Ci sono due uffici principali, addobbati con affreschi, usati dal direttore[5] e dal segretario scientifico. Gli altri due uffici sono occupati dal referente culturale e l’amministratore, e accanto c’è una biblioteca dove si tengono anche corsi di lingua ungherese.
Sul secondo piano si trova l’Istituto Papale dei Sacerdoti Ungheresi[6]. Il palazzo, originalmente istituto ecclesiastico, ha mantenuto questa caratteristica offrendo abitazione ai sacerdoti ungheresi che continuano i loro studi presso la capitale italiana e la città del Vaticano. L’istituto è sotto la guida di un rettore.
Il terzo e il quarto piano sono  occupati da appartamenti privati, usati dai colleghi ungheresi che ricevono come commissione quattro anni all’estero per svolgere il loro lavoro. Oltre ai colleghi che lavorano nel palazzo, alcuni degli appartamenti sono usati dai colleghi che lavorano all’ambasciata oppure sono ospiti ai programmi dell’Accademia. Dal quarto piano si può acceddere alla loggia. Anche la loggia è stata progettata da Borromini e esiste una leggenda secondo la quale decise di costruirla in maniera tanto maestosa perchè non trovò la loggia di Palazzo Farnese[7] abbastanza interessante. La loggia ha tre archi e sopra di essa c’è una terrazza, con una ringhiera addobbata da statue[8]. Le statue sono state costruite con un materiale di stucco che li ha resi molto difficile da restaurare. Le statue hanno preso come modello le teste di Giano, conosciute anche come Janus Pater nella folclore Etrusca, che ha due teste, una davanti e una dietro. Otto statue, quindi un totale di sedici teste risiedono sul terrazzo. Insieme al palazzo anche queste sono state restaurate  nel 2008 sotto la guida del restauro Zsuzsanna Weirdl.
            La storia dell’Accademia è stata anche influenzata dagli eventi accaduti nel paese d’origine. Nel 1950 l’Accademia è entrata a far parte dell'ambasciata, privata del suo carattere scientifico e artistico. Il lavoro che svolge anche oggi ricomincia dopo il 56’, esattamente nel 58’. L’evoluzione dell’Accademia fu molto influenzata dalla quantità di ungheresi fuggiti dalla situazione politica nella propria patria, e anche oggi è visitata regolarmente dai loro discendenti.



[1] Csorba László (a cura di). Száz Év, A Magyar-Olasz Kapcsolatok Szolgálatában. Magyar Tudományos, Kultúrális és Egyházi Intézetek Rómában (1895-1995). Budapest, HG & Társa Kiadó. N.d., 127.
[2] Ibidem.
[3] Ibidem, 10.
[4] Ibidem, 137.
[5] Il direttore attuale dell’Accademia è lo storico Dr. Antal Molnár (2012-)
[6] Csorba László. Száz Év. 72.
[7] L’Ambasciata Francese in Piazza Farnese.
[8] Csorba László. Száz Év. 138.

Thursday, June 25, 2015

Blogger: La Roux at Budapest Essentials

Before I tell you about the concert, I want to tell about why I love La Roux.


I can still recall the first time I heard I'm Not Your Toy. I was in a store looking at shirt (very manly T-Shirts, of course, because those have better designs on them. Have you ever noticed that? Oh nevermind), and I heard a beat in the background. I am one of those people who listens to the lyrics, writes down a couple of lines and then googles it. But I have good hearing, so that works about 99% of the time.
Got home in a hurry, youtube, and repeat until I got tired of it - which, FYI, still hasn't happened -, and then quickly I got hold of the album. I was 18 years old and it was the first album I heard on which I adored every single song. I know that she's going In It For The Kill, that it's only Growing Pains, that her Reflections Are Protections and that this time, baby, she'll be Bulletproof and that now we're all in the Quicksand. I know them all by heart and I just kept listening to it over and over again, waiting for the next one...

If you are a La Roux fan you will know that she had a problem with her voice and it took her a while to get back into the game. But she did and although I survived on the Gold Edition of the first album, which featured Under My Thumb (my favorite) and Finally My Saviour, as well as amateur videos on YouTube of live performances of Sexotheque (grateful for those!), but I was slowly going insane... Each year I checked her site, wikipedia, forums, awaiting some miracolous news of a possible new album on the way!

And then it happened: the announcement of Let Me Down Gently coming to YouTube and I went apes*it and started running around the apartment yelling to my sister and screaming out of joy.

My friend told me that he is scared maybe we've been waiting too long and the album won't be as good and I just told him: "It's La Roux. It's gonna be awesome." And it totally was :D I loved every single song - although I would like to direct a new video for Let Me Down Gently -, anyway, now when I wake up and there you are I know I got The Feeling, that I cannot Kiss And Not Tell, and that the temperature is rising Uptight Downtown, but Cruel Sexuality, am I fool to let you bother me? And since Paradise Is You, it's no wonder that the title of the album is Trouble In Paradise.

We all have a favorite don't we? Sometimes you can't explain why. Either the lyrics, or the melody. Mostly it's both or their ability to get you! Music understands you. And I feel that every single song is a bit different and they actually managed to reflect various stages in my life. Sometimes it's her voice, sometimes it's the fact that although the lyrics are very depressing, they have a catchy tune and it helps me cope with the situation. La Roux's music has saved me, I don't know how many times and for that she will always be my favorite artist!

Unfortunately - due to negligence - I missed her concert on Sziget last August, and I have regretted that decision more than anything else in my life. So you can imagine my surprise, and the feeling of a dream coming true, when she posted on her facebook page that "We're going to Budapest Essentials". This was followed by an immediate google search and two hours later I had tickets for the concert. And here's what happened:

It didn't.


Waited almost half a year for this and it didn't happen. Technically it's not her fault, so what can one do? Nothing. Wait, I guess, wait for the chance to see her here in my city. I cried on my way home, because this year was quite horrible for me, and I was hoping for this night off, but I apparently can't catch a break. And well, I don't have the money to go see her anywhere else, unfortunately. But as always, she'll help, so I'll put on her album in the background and try to smile.

Get well soon Elly, please do come back!